Skip to main content

Umbertide, il 2023 segna un calo del fatturato per Molini Popolari Riuniti

Il presidente Baldelli: “Anno complesso ma resiliente, rafforzati i settori strategici e plusvalenza dalla vendita di un’area non strategica”

Il 2023 ha portato una riduzione del 10% nel fatturato della cooperativa Molini Popolari Riuniti di Umbertide, attestandosi a circa 91 milioni di euro rispetto all’anno precedente. La flessione è stata determinata principalmente dal crollo dei prezzi dei cereali e dei mezzi tecnici. Questi dati sono emersi durante l’annuale assemblea dei soci, tenutasi presso la sede della cooperativa per l’approvazione del bilancio.

Il presidente della Mpr, Matteo Baldelli, ha offerto una chiave di lettura per comprendere il bilancio: “È fondamentale analizzare insieme i risultati del 2022 e del 2023, poiché l’uno è la conseguenza dell’altro. Il 2023 è stato un anno complesso, segnato dalle conseguenze degli shock verificatisi nel 2022, dall’impennata inflazionistica alle conseguenze del conflitto in Ucraina, fino ai prezzi energetici fuori controllo. Tutto ciò ha portato a una perdita di marginalità nel 2022 e a un significativo recupero nel 2023, che ha rappresentato per la cooperativa un anno di eccezionale risultato, frutto della resilienza della cooperativa.”

Pubblicità

Nonostante la diminuzione del fatturato, Baldelli ha evidenziato “un risultato molto positivo sul fronte della gestione caratteristica, con un rafforzamento delle principali attività legate alla trasformazione, ovvero mangimistica, molitoria e panificazione.”

Un ulteriore contributo positivo è derivato dalla vendita di un’area non strategica in via della Repubblica a Umbertide, che ha fruttato oltre 1,6 milioni di euro. “Questa operazione ha generato una consistente plusvalenza, rafforzando patrimonialmente la Mpr e dotandola delle risorse necessarie per la realizzazione del piano industriale,” ha aggiunto Baldelli.

Il reddito operativo della cooperativa ha raggiunto i 2,7 milioni di euro, rappresentando il 3% dei ricavi, mentre il cash-flow prodotto è aumentato significativamente, arrivando a 4,6 milioni di euro rispetto all’anno precedente.

Infine, Baldelli ha ricordato che nel corso del 2023 sono proseguiti gli investimenti necessari per il rinnovamento di alcuni stabilimenti produttivi, segnando un ulteriore passo avanti nella strategia di crescita e modernizzazione della cooperativa.

Condividi questo articolo

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità