Skip to main content

“La popola del futuro ama” dietro le sbarre

Detenuti e studenti sul palco per una serata di cultura e rinascita sociale, nell’ambito del progetto “Per Aspera Ad Astra”

Una serata carica di emozioni e applausi ha animato ieri, giovedì 9 maggio 2024, la Casa Circondariale di Capanne, a Perugia, dove è andato in scena lo spettacolo “La popola del futuro ama”. Diretto dalla talentuosa regista Vittoria Corallo e prodotto dal prestigioso Teatro Stabile dell’Umbria con il sostegno fondamentale della Fondazione Perugia, l’evento ha visto la partecipazione di detenuti-attori della prigione insieme a studenti dei licei Di Betto e Galilei e del Laboratorio Teatrale dell’Università degli Studi di Perugia.

Lo spettacolo fa parte della sesta edizione di “Per Aspera Ad Astra – riconfigurare il carcere attraverso la cultura e la bellezza”, una lodevole iniziativa promossa dall’Associazione delle Fondazioni delle Cassa di Risparmio italiane (Acri). Tra il pubblico, oltre alla direttrice della Casa Circondariale di Capanne Antonella Grella, vi erano illustri personalità come Stefano Salerno del Teatro Stabile dell’Umbria e il Direttore generale di Fondazione Perugia Fabrizio Stazi, insieme a numerosi detenuti e agenti penitenziari.

Messaggio elettorale

Lo spettacolo, ispirato a “Tutto sull’amore”, è stato il frutto di intense discussioni e riflessioni avvenute durante i laboratori in carcere. Secondo la regista Vittoria Corallo, “La popola del futuro ama” è un’opportunità per esplorare e liberare l’amore dagli abusi e dalle interpretazioni errate, un percorso che porta a una nuova consapevolezza collettiva.

L’appuntamento è stato accolto con grande entusiasmo, tanto che lunedì 13 maggio lo spettacolo si ripeterà al Teatro Morlacchi di Perugia, con ingresso gratuito, ma i posti sono già tutti esauriti.

“Per Aspera Ad Astra”, iniziato nel 2018 e presente in 15 carceri italiane, offre ai detenuti la possibilità di formarsi professionalmente nel mondo del teatro, coinvolgendo diverse figure artistiche. Con oltre 1000 detenuti coinvolti finora, il progetto si conferma come un importante veicolo di riscatto e reinserimento sociale.

Per restare aggiornati sugli spettacoli in programma in tutta Italia, è possibile consultare il sito: https://perasperaadastra.acri.it/.

Condividi questo articolo

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità