Skip to main content

La Regione Umbria invia tecnici in Campania per verifiche post-sisma

Squadre specializzate a Pozzuoli per valutare l’agibilità di 500 edifici danneggiati dagli eventi sismici nei Campi Flegrei

La Regione Umbria ha risposto prontamente alla richiesta del Dipartimento nazionale di Protezione civile, dimostrando ancora una volta la sua efficacia e tempestività nell’affrontare situazioni emergenziali. A seguito dei ripetuti eventi sismici registrati nei giorni scorsi nella zona dei Campi Flegrei, la regione è pronta a inviare propri tecnici abilitati in Campania per contribuire alle verifiche di agibilità degli edifici danneggiati.

Pubblicità

A partire da mercoledì 29 maggio, tre squadre di verificatori della Regione Umbria saranno operative a Pozzuoli, in provincia di Napoli. Qui, gli effetti del bradisismo e dello sciame sismico si sono fatti maggiormente sentire, rendendo necessaria la verifica di circa 500 fabbricati attraverso la compilazione delle schede Aedes. Questi tecnici rimarranno sul posto fino al completamento dei sopralluoghi, operando sotto il coordinamento del Centro operativo comunale di Pozzuoli.

Il dipartimento di Protezione civile aveva sollecitato sabato scorso le Regioni per ottenere supporto nella verifica dell’agibilità degli immobili, dopo che la Regione Campania aveva evidenziato la necessità di procedere rapidamente. In risposta, la Regione Umbria ha immediatamente messo a disposizione squadre di tecnici per un periodo di circa dieci giorni, assumendosi anche i relativi costi di missione. Questo intervento si inserisce nello spirito di massima collaborazione che da sempre contraddistingue la Protezione civile nazionale e la Regione Umbria.

“È infatti importante avere contezza nel più breve tempo possibile di quante saranno le persone da assistere per inagibilità delle loro abitazioni e di quanti invece potranno fare ritorno nelle proprie case, per organizzare nella maniera ottimale l’assistenza alla popolazione”, si legge in una nota dell’ente. La Regione Umbria, riconosciuta come modello per la capacità di intervento post-sisma, si è prontamente messa a disposizione per accelerare i tempi delle verifiche a Pozzuoli.

In aggiunta, l’Assessore alla Protezione civile della Regione Umbria ha reso noto che si sta organizzando per intervenire, insieme alla Regione Marche, nell’accoglienza dei cittadini del Comune di Bacoli, qualora dovesse emergere la necessità di un trasferimento in massa.

Condividi questo articolo

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità